Lascia un commento

Draghi e dragoni

                                                     Si narra che un principe avesse individuato la tana di un Drago che terrorizzava i suoi sudditi e in qualità di sovrano aveva il dovere di difenderli scacciando la bestia. Nella sua impresa chiese l’aiuto a Efflem, il parroco della sua città ,cosi’ i due si diressero insieme verso la tana del Drago per porre fine alle sue malefatte. Arrivati davanti la tana  il Principe si fece prendere da un profondo terrore, sentiva il respiro del Drago che da solo bastava a far tremare di paura qualsiasi eroe. A questo punto intervenne il Chierico che disse al Principe di non aver paura, perchè chi era sotto la benedizione di Dio non doveva temere nulla. Il Principe però era immobilizzato dal terrore, allora Efflem dopo essersi fatto il segno della Croce entrò nella tana del Drago che ,quando lo vide, non solo non riuscì ad attaccarlo, ma si precipitò fuori dalla tana fuggendo lontano, fino ad arrivare sulle rive dell’oceano dove -si racconta -vomitò sangue.
Questo mostra come il male ha più paura dello scudo interiore di fede che  delle spade e delle armature!

.

 .

.

.

.

.

.

 .

.

 

 

 

Draghi e dragoniultima modifica: 2008-11-30T18:39:15+01:00da moonfaire
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento