Erbario Magico

LA RACCOLTA DELLE ERBE

La maggior parte delle erbe che sono utilizzate in magia sono reperibili anche in città, mentre altre, che  sono a crescita spontanea ,sono selvatiche oppure erbe considerate infestanti.

Esse crescono lontane dalle zone urbane o abitate dall’uomo e per reperirle è necessario farsi delle belle passeggiate  in mezzo alla natura o nei boschi, cioè in quei luoghi  dove esse crescono da sempre

Cosa molto importante da tenere presente durante la raccolta  è che esse sono creature nate in seno alla natura che noi tutti siamo portati devotamente a rispettare. Quindi una raccolta indiscriminata o lo strappare alla terra le erbe che ci necessitano, con poca cura della pianticella stessa, è un pratica da evitare se vogliamo che la natura continui a donarci i suoi frutti utili oltre che meravigliosi.
Da ricordare anche che se si vuol andare per erbe, è bene scegliere una giornata poco ventosa e assolata.
Alcune erbe sono da raccogliere al mattino dopo che si è asciugata la rugiada altre si raccolgono al pomeriggio e alcune, anche se rare, alla notte.
Anche le radici è bene raccoglierle quando la terra è asciutta sempre per lo stesso motivo e i periodi da preferire sono in primavera, prima che la pianta inizia a vegetare, oppure in autunno quando la pianta ha concluso il suo ciclo di fioritura e fruttificazione e si trova in uno stato di riposo.
Ma non si raccolgono solo erbe e radici, anche altre parti della pianta è utile, una volta disseccata e ridotta in polvere, per comporre degli incensi più o meno composti.
La raccolta dovrebbe avvenire anche con Effemeridi e libro delle uguaglianze alla mano per sapere se in quel giorno la luna si trova in un segno zodiacale positivo e non in contrasto con le nostre intenzioni magiche, dato che ci muoviamo alla ricerca del buon auspicio planetario che ci influisca positivamente sugli intendimenti magici.

 

 Image and video hosting by TinyPic 
MANDRAGORA
E’ la pianta píù ricca di storia. Appartiene alla famiglia delle solanacee e cresce soprattutto nelle regioni meridionali della nostra penisola. La tradizione popolare la vuole generata dallo sperma e dal grasso caduti dal corpo di un impiccato. I cabalisti sostengono che è il frutto della solitudine di Adamo (durante il sonno, secondo la tradizione, egli perse il seme che fecondando il suolo dette vita alla pianta). Certamente è stato il suo aspetto antropomorfo a stimolare così efficacemente la fantasia umana. E’ una pianta velenosa che non va assolutamente ingerita, tuttavia le sue fumigazioni perdono qualsiasi effetto nocivo.

Utilizzo Magico: la radice di Mandragora costituisce un talismano universale: favorisce l’amore, la prosperità, la salute, il potere e può essere utilizzata sia intera che in polvere per qualsiasi tipo di rituale magico. E’ in pratica la sintesi di tutti i poteri occulti del regno vegetale e astrale.

 MASTICE  

E’ la resina prodotta dalla Pistacia Lentiscus, pianta originaria della Turchia. I suoi grani sono di colore giallastro e semitrasparenti.

Utilizzo Magico: il profumo del Mastice stimola il corpo etereo, fissando la volontà. Favorisce inoltre la realizzazione dei desideri e aiuta nella conquista del successo. E’ indispensabile nelle evocazioni, per entrare in contatto con gli spiríti. In Oriente e in Nord-Africa viene considerato un sublime afrodisiaco. Di indubbia influenza solare il Mastice viene utilizzato anche nei rituali di alta magia lunare.

MENTA

Il nome di questa pianta deriva dal nome della ninfa Mintha, amata dal Dio Ade, che per gelosia Proserpina tramutò in erba. E’ un ottimo analgesico, antisettico, digestivo, tonico ed eupeptico.

Utilizzo Magico: il suo profumo accresce la forza psico-fisica e la volontà favorendo al tempo stesso il benessere e l’ottimismo. In tempi antichi veniva adoperata soprattutto nei rituali di guarigione e purificazione. Rientra comunque nei composti per la fortuna ed il commercio. Questa pianta profumata è posta sotto l’influenza di Giove.

MIRRA

Gommoresina che trasuda da alcuni alberetti originari delle coste orientali dell’Africa Settentrionale e dell’Arabia. Nelle terapie erboristiche viene adoperata per le malattie dell’apparato digerente ed in particolare come colluttorio.

Utilizzo Magico: le fumigazioni di Mirra sono fortemente purificatrici e amplificano le vibrazioni positive. E’ inoltre utilissima per la meditazione e la contemplazione. Alcuni la usano per i sacchetti talismanici ed i rituali di guarigione. La Mirra è prettamente lunare anche se alcuni autori la vogliono sotto l’influenza di Marte e Saturno. Le divinità, ad essa associate sono Iside e Adone.

 

MIRTO

Albero o arbusto sempreverde con foglie aromatiche dalle proprietà, balsamiche, astringenti, rinfrescanti e antisettiche.

Utilizzo Magico: è un ingrediente base per tutti i sacchetti talismanici d’amore ed i rituali d’attrazione. Inoltre, grazie alla sua componente “marziale”, costituisce un’ottima protezione occulta. Il Mirto è posto sotto l’influenza di Venere e le divinità ad esso associate sono Afrodite-Venere, e Ishtar.

 NINFEA

Pianta rizomatosa perenne caratteristica delle acque dolci stagnanti, presenta fiori bianchissimi e foglie larghe e piatte.

Utilizzo Magico: respirare profondamente il profumo della Ninfea fortifica il corpo astrale proteggendolo. Fumigazioni del rizoma, in un contesto rituale, combattono efficacemente i legamenti d’amore. Alcuni pezzetti portati su di sé favoriscono la fortuna attraendo la misericordia divina. Questa pianta è sotto l’influenza della Luna..

NOCCIOLO

E’ un arbusto che cresce in zone collinari e sub-montane. Viene particolarmente indicato nei casi di emorroidi, vene varicose, varici, flebiti, diarrea e ipersudorazione.

Utilizzo Magico: con i suoi rami i rabdomanti fanno le bacchette per cercare l’acqua così come i maghi le bacchette per i loro rituali magici. Per i popoli del Nord il Nocciolo è simbolo di fertilità e saggezza ma viene anche reputato il legno migliore per preparare scudi magici e cerimoniali. E’ inoltre utilizzato nelle pratiche divinatorie e terapeutiche e alcuni testi antichi lo consigliano per ottenere la fedeltà coniugale. E’ posto sotto l’influenza di Mercurio e in parte del Sole. La divinità ad esso associata è Ermes-Mercurio.

ORTICA

Il nome di questa pianta deriva dal latino “urere” bruciare, irritare, a causa delle sue note proprietà urticanti. Nelle cure erborstiche viene utilizzata soprattutto come antireumatico, diuretico, antianemico e antidiabetico.

Utilizzo Magico: le virtù protettrici dell’Ortica sono conosciute da secoli: per respingere un maleficio al suo mandante indossare un sacchetto talismanico contenente foglie e radici di Ortica “vitalizzate”. Fumigazioni di questa pianta eliminano inoltre le negatività presenti in un ambiente e allontanano i nemici. E’ posta sotto l’influenza di Marte e il Dio ad essa associato è Thor.

PAPAVERO

Fiore rosso dotato di virtù calmanti (blandamente narcotiche), decongestionanti e diaforetiche.

Utilizzo Magico: viene adoperato per avere sogni profetici, nei rituali divinatori e in alcuni incensi lunari. Il Papavero è posto sotto l’influenza della Luna e le divinità ad esso associate sono Demetra e Plutone.

  PINO

Albero alto, longevo, dotato di spessa corteccia cinerina e foglie aghiformi. Ha proprietà antisettiche, espettoranti, balsamiche e diuretiche.

Utilizzo Magico: le pigne del Pino si usano per favorire la fertilità e la fecondità; i suoi aghi per allontanare gli spiriti maligni e mescolati con la resina per respingere i malefici al proprio mandante. La corteccia polverizzata e bruciata nella stanza di un malato ne favorisce la guarigione. Il Pino è posto sotto l’influenza di Marte, anche se qualcuno lo attribuisce a Saturno. La divinità ad esso associata è Pan e in genere tutti i satiri.

 

QUERCIA

Grande albero sempreverde considerato sacro da numerose civiltà del Nord-Europa.

Utilizzo Magico: da sola o insieme ad altri ingredienti propizia la fortuna e la prosperità. Ha inoltre un forte potere terapeutico e purificatore. La ghianda della Quercia è il simbolo della potenzialità ed ha anch’essa un forte potere protettivo. Il suo pianeta è Giove e le principali divinità ad essa associate sono: Zeus-Giove e Thor.

RADICE DEL DIAVOLO

I Celti e più in generale le popolazioni nordiche, sostituivano con questa radice antropomorfa la più nota Mandragora, quasi impossibile da reperirsi a quelle latitudini.

Utilizzo Magico: i suoi poteri magici sono innumerevoli paragonabili a quelli della Mandragora stessa. Si rivela infatti un’infallibile protezione, una potente catalizzatrice di fortuna e prosperità ed inoltre facilita e intensifica tutte le operazioni magiche e divinatorie. La Radice del Diavolo comprende le sette astralità anche se fra tutte domina Marte.

ROSA

Nelle cure erboristiche viene usata come tonico e astringente per sciaqui ed impacchi.

Utilizzo Magico: è per tradizione associata ai sentimenti e alle emozioni ed è quindi un ingrediente indispensabile nelle pratiche magiche d’amore. Costituisce inoltre un valido ingrediente nei rituali di guarigione. Più in generale dona pace e benessere. Il suo astro è Venere e gli Dei ad essa associati sono: Afrodite-Venere, Iside e Eros.

 

ROSMARINO

La parola Rosmarino significa “rugiada del mare”, forse perché questa pianta cresce spontaneamente nei pressi del mare ed è tipica di tutta la flora di tipo mediterraneo. Ha notevoli qualità antisettiche, emmenagoghe, antispasmodiche e carminative. Utilizzo Magico: il Rosmarino è noto soprattutto per le sue notevoli proprietà protettive e purificatrici e per le sue virtù terapeutiche. Portato su di sé costituisce un valido amuleto antimalocchio. Alcuni guaritori scaricano le energie negative accumulate con infusi di Rosmarino e Ginepro. Il pianeta che governa questa pianta è il Sole anche se risente al tempo stesso di una forte influenza di Marte.

 

 

RUTA

Erba perenne, sempreverde, dalle proprietà digestive, capillarotrode, emmenagoghe e rubefacenti. Utilizzo Magico: questa pianta viene usata soprattutto per guarire; le sue foglie messe a rinvenire nell’acqua tiepida e compresse sulle tempie e sulla fronte respingono efficacemente i mal di testa. La Ruta riveste un ruolo molto importante nei rituali esorcistici. Il suo pianeta è Marte e la divinità ad essa associata é Artemide

Erbario Magicoultima modifica: 2008-12-05T01:50:00+01:00da moonfaire
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento