IL MOSTRO DI LOCH NESS è una realta’?

 

http://www.massimopolidoro.com/foto-misteri/lochness3.jpg

Uno specchio d’acqua lungo 39 chilometri e largo 2, con una profondità media di 150 metri, che in alcuni punti raggiunge i 300 metri. È uno dei laghi più famosi del mondo e deve la sua fama non tanto all’ancestrale bellezza del paesaggio ma dal mistero che esso contiene. Siamo nelle Highlands scozzesi. Siamo a Loch Ness. I primi avvistamenti del mostro, affettuosamente chiamato Nessie, risalgono al 565 d.C., quando la Cronaca di San Colombino ci parla di un uomo assalito ed ucciso da una creatura mostruosa uscita strisciando dalle acque del lago. Passano gli anni, anzi i secoli, perché del mostro si torna a parlare, con tanto di prove fotografiche, solo all’inizio del ‘900.
Chi lo vede attraversare la strada con una pecora in bocca per poi tuffarsi nel lago, chi mette una taglia sulla sua testa, chi individua due grandi orme, simili a quelle di un ippopotamo, sulla riva del lago. E poi ci sono gli oltre 4000 avvistamenti, le foto e alcuni filmati amatoriali.

Numerosi ricercatori e studiosi studiarono in passato e stanno tutt’ora studiando il fenomeno del mostro di Loch Ness, molti testimoni affermano di averlo visto emergere dalle acque del lago fin dal 1933 quando una coppia di turisti i signori Spicer, affermò di aver visto un essere enorme emergere dalle acque e poi rituffarvisi.
Molti studiosi dubitano dell’esistenza di questo essere per i seguenti motivi:
-La creatura avrebbe dovuto riprodursi per poter continuare ad essere presente nel lago per milioni di anni, quindi dovrebbero esserci stati più esemplari in passato per poter arrivare all’ultimo esemplare ipoteticamente presente ora nel lago.
-Nel fondale dovrebbero trovarsi i resti di queste creature, negli anni ’90 il lago di Loch Ness è stato dragato e di Nessie nessuna traccia.
-Nel lago non sono presenti nascondigli di dimensioni tali da poter permettere a questo animale di nascondersi.
La leggenda del mostro di Lochness continua ad infarcirsi di dettagli. Questa volta provenienti dal governo di Londra. Secondo documenti d’archivio citati dal Daily Mirror, nel 1979 alcuni deputati approvarono un piano per utilizzare i delfini, da acquistare per l’occasione negli Usa, per stanare il mitico mostro del lago scozzese. L’operazione, per qualche intoppo burocratico, non arrivò mai a conclusione.

Il ministero dell’Ambiente riteneva che l’eventuale scoperta del misterioso animale avrebbe portato beneficio al turismo in Scozia. Nessuno è mai riuscito a provare di aver visto ‘Nessie’, come e’ stata soprannominata la misteriosa creatura acquatica la cui leggenda risale addirittura al VII secolo. Regolarmente, tuttavia, vengono evocate sue apparizioni, si diffondono voci sulla sua presenza e circolano sue presunte foto, di autenticità non confermata.

Ma la lettera citata dal Daily Mirror, firmata da un dirigente, era stata inviata per conoscenza al governo regionale scozzese. Lettera che in realtà pare non essere mai giunta a destinazione. Da un altro documento d’archivio viene fuori che altri alti responsabili britannici tentarono un po’ più tardi, senza successo, di dare al mostro una protezione
legale contro eventuali bracconieri o cacciatori di trofei.

Dopo due anni di intense ricerche, un paleontologo scozzese si è convinto che il mitico mostro di Loch Ness non è altro che un elefante del circo che si fa il bagno nel lago.
Lo scrive il Times. “La proboscide e la parte superiore della schiena del pachiderma, le soli parti dell’animale che emergono in superficie quando è in acqua, possono facilmente essere confuse con un mostro” ha spiegato Neil Clark.
Lo studioso ha anche scoperto che alcuni circhi soggiornano di tanto in tanto accanto al lago scozzese per dare modo ai propri animali di rigenerarsi.
Nessuno è mai riuscito a provare di aver visto “Nessie” nel lago.
“Nessie” è il nomignolo che accompagna il mostro di Loch Ness, una specie di drago sottomarino la cui leggenda risale al 17/mo secolo. Le sue “apparizioni” vengono tuttavia segnalate con una certa regolarità. Nel solo 2005 sono state quattro.
Clark, archivista al museo di Glasgow, ha pubblicato la conclusione delle sue ricerche sul mostro di Loch Ness nell’edizione di marzo della rivista scientifica Open Society Geological Society Journal.
tgcom.mediaset.it/

 

 

IL MOSTRO DI LOCH NESS è una realta’?ultima modifica: 2009-04-27T12:14:00+02:00da moonfaire
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “IL MOSTRO DI LOCH NESS è una realta’?

Lascia un commento